Lavoro

Lavoro

Al di là di quanto una legge possa esercitare nel diritto al lavoro, occorre raffrontarci con la realtà e la dura morsa della crisi. Abilitazioni, iscrizioni ad albi, concessione di licenze, concorsi, contratti aziendali, stage, il lavoro non è parte integrante della vita, è fondamentale necessità per una vita regolare e la realizzazione di una famiglia. Per questa ragione in questa pagina del portale si cercherà di dare il giusto peso alle informazioni, con l’impegno di coinvolgere i Contatti, pubblici e privati, ad iniziative che vadano incontro ai lavoratori e a chi cerca lavoro, con grande attenzione verso i più giovani.

Nasce la CSE Filai

CONFEDERAZIONE INDIPENDENTE SINDACATI EUROPEI FEDERAZIONE INDIPENDENTE LAVORATORI ATIPICI E INOCCUPATI

CSE-FILAI (Federazione Indipendente Lavoratori Atipici e Inoccupati) è una finestra verso la galassia degli esclusi dal mondo del lavoro, dei lavoratori atipici operanti nel settore privato, dei giovani in cerca di una prima occupazione, degli esclusi dal settore pubblico tra cui le migliaia di vincitori e idonei dei concorsi pubblici nonché di tutti i precari a vario titolo come tirocinanti, collaboratori ecc.

Per tutti gli inoccupati, la Federazione Indipendente Lavoratori Atipici e Inoccupati si propone di lanciare una piattaforma virtuale certificata di incontro tra domanda e offerta di lavoro in cui si premuniranno di selezionare un’offerta di lavoro stabile, cercando così di prevenire i conflitti già all’atto della costituzione del rapporto, ma anche attraverso la loro successiva mediazione volta alla ricomposizione bonaria dei conflitti più leggeri.

La CSE-FILAI ritiene che il mondo dell’impresa sana, colpito da una crisi economica senza precedenti, debba essere vissuto come un’opportunità e non come un terreno necessariamente di conflitto, così non si sotrarranno alla lotta per tutte le vittime dello sfruttamento, anzi saranno in prima linea a sostegno di queste battaglie, anche attraverso il loro staff legale, affiancando i lavoratori in tutte le loro vertenze. Inoltre, si impegneranno a sostenere l’occupazione dei diversamente abili, attraverso la proposta di annunci mirati nonché avvalendosi della collaborazione con il mondo associativo di settore. L’Obiettivo del Sindacato è di fare rete, attraverso la collaborazione con le associazioni sia civiche che di impresa, nonché di tutti i partiti che vorranno farsi latori delle loro proposte, le quali saranno sempre volte alla creazione di una sana e buona occupazione a scapito di ogni forma di sfruttamento che contrasterabbo con tutte forze.

La CSE-FILAI si proporrà di agire e combattere, senza alcuna velleità di arricchimento personale, seguendo un programma composto dai punti che seguono:

  • creazione della piattaforma FILAI-Lav dove verranno accreditate le imprese secondo il tipo di offerta, riservandosi di selezionarle in termini di compatibilità con i sani valori;
  • collaborazione con il mondo associativo e di impresa;
  • collaborazione con il mondo associativo a tutela del lavoro dei diversamente abili.
  • elaborazione proposte legislative finalizzate alla tutela dei minori, dei portatori di handicap, di gravi patologie, di anziani o di altre scelte che mirino al consolidamento della famiglia;
  • coinvolgimento, all’interno della struttura Sindacale di rappresentanti di tutte le categorie: precari, disabili, lavoratori atipici, vincitori ed idonei, disoccupati e/o inoccupati;
  • sostegno delle battaglie per l’assunzione dei vincitori e degli idonei di concorso, dei precari e dei lavoratori atipici, anche attraverso i canali di cui CSE-FILAI può disporre mediante le articolazioni che FLP-CSE ha in tutti i comparti;
  • contrasto ad ogni forma di precariato (dai licenziamenti facili nel contratto a tutele crescenti, fino ad arrivare alle forme di body rental del settore informatico), attraverso l’ufficio vertenze del Sindacato che, tramite la collaborazione di esperti legali, saprà certamente trovare la modalità più opportuna per far valere tutti i diritti calpestati;
  • contrasto a forme di sfruttamento del lavoro femminile, sostegno e azioni concrete per l’occupazione delle donne, nel solco dei più ampi principi di solidarietà e di pari opportunità;
  • campagne mediatiche a favore dell’occupazione dei giovani e degli esclusi dal mondo del lavoro;
  • campagne di lotta politica con tutti i partiti e forze politiche che vorranno sostenere le nostre proposte in parlamento, tra cui il proprio progetto di riforma globale della PA denominato “Per il bene del Paese” che sinteticamente prevede, attraverso il recupero di risorse dalla lotta all’evasione fiscale, dai tagli alla politica e agli Enti inutili, dalla reinternalizzazione dei servizi e dall’abbattimento delle consulenze nella P.A., l’assunzione, da subito, di almeno 50 mila persone a tempo pieno nel Pubblico Impiego, nonché con l’ampliamento e la revisione, in senso favorevole ai lavoratori, dell’istituto del part-time nel pubblico impiego e negli Enti Privatizzati e/o a partecipazione statale come le Ferrovie dello Stato, l’ENI, etc., con una miriade di iniziative progettuali per l’utilizzazione dei Fondi Sociali Europei e con l’estensione e la revisione più ampia delle attuali procedure praticate nelle Poste e nell’ABI, anche l’assunzione di altre 300mila persone a costo zero nella PA; fermo restando che tali principi vanno estesi ai settori privati per la creazione di altre migliaia di posti di lavoro.

Inoltre, nel lungo termine la CSE-FILAI cercherà di:

  • finanziare progetti di occupazione già esistenti (creazione di imprese, attraverso il nostro dipartimento FILAI-Lab);
  • realizzare progetti di micro-credito agli imprenditori in difficoltà;
  • erogare formazione professionale finalizzata alla riconversione, con una programmazione mirata di corsi di formazione per tutta la platea di iscritti e Dirigenti della CSE-FILAI;
  • creare piccole imprese (attraverso, ad esempio, l’acquisto di terreni da coltivare, per la creazione di un’impresa a vocazione agricola, zootecnica, artigianale ecc.);
  • creare un fondo di solidarietà, anche a sottoscrizione libera (ulteriore a quello derivante dalle iscrizioni), finalizzato alla concretizzazione dei punti precedenti e all’eventuale assistenza degli iscritti più bisognosi. CSE-FILAI è la realizzazione di un sogno, quello di un sindacato aperto ai più deboli, quelli che di solito tutele non hanno – diversamente abili, emarginati, precari, vincitori ed idonei di concorsi pubblici non assunti, giovani e disoccupati in genere. Un sindacato veramente rinnovato, che ritrova, attraverso il suo ripensamento, la sua nuova collocazione in uno scenario socio-economico radicalmente mutato rispetto a quello in cui nacquero, nel nostro Paese, le prime Organizzazioni Sindacali.

Finalmente un sindacato per tutti!

Scarica il PDF